classificazione
cuore1 La ricerca medica ha identificato diverse tipologie di Fibrillazione Atriale.

In relazione alla durata la Fibrillazione Atriale può essere:

  • Parossistica: termina da sola nel giro di un paio di giorni.
  • Persistente: dura fino a quando non si interviene riportando il ritmo del cuore alla normalità grazie alla cardioversione.
  • Permanente: non viene risolta nonostante i tentativi di riportare il battito alla normalità. In quest’ultimo caso, con l’aiuto del medico, occorre che il paziente impari a gestire la sua condizione.
In relazione ai sintomi che si possono riscontrare, la Fibrillazione Atriale può essere:
  • Sintomatica: si riscontrano nel paziente i classici sintomi della patologia
  • Asintomatica: non ci sono sintomi. Questa forma di Fibrillazione Atriale è molto pericolosa, perché la persona che ne soffre non viene “avvertita” dal proprio corpo. E averla senza sentirla vuol dire anche non curarla, aumentando notevolmente il rischio di ictus.
 


 
Scopri di più sulla campagna
STOP FA!

stopfa

Guarda l' Educational Video
video
Iscriviti alla newsletter

Inserisci la tua mail e

Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti di questo sito.